Ultima modifica: 8 ottobre 2017
Home > news > Da alunna a ricercatrice

Da alunna a ricercatrice

Incontro tra Francesca Brivio, ex alunna della mastra Adolfa, e i bambini della classe seconda di Cesana Brianza.

Venerdì 6 ottobre la ricercatrice biologa Francesca Brivio, ex alunna della maestra Adolfa, ha incontrato gli alunni della classe seconda della scuola primaria «Segantini» di Cesana Brianza per fare una lezione sugli stambecchi.

I bambini hanno ascoltato e partecipato con grande interesse alla lezione, facendo una serie di domande.

Alla fine dell’incontro hanno ringraziato la ricercatrice offrendole un bigliettino preparato «ad hoc»: l’immagine di Charles Darwin che studia il lombrico, ultimo lavoro pubblicato dal grande scienziato.

L’augurio è che Francesca possa continuare nei suoi studi come fece Darwin.

La maestra e la sua ex alunna

La maestra e la sua ex alunna

INCONTRIAMO LA RICERCATRICE BRIVIO FRANCESCA

LA SUA PRESENTAZIONE:

Francesca Brivio è nata a Bosisio Parini.
Adolfa è stata una delle sue maestre. In quarta elementare Adolfa ha accompagnato la classe nel Parco Nazionale del Gran Paradiso a Cogne, in Valle d’ Aosta a studiare gli stambecchi nel loro ambiente.
Francesca ha poi frequentato le scuole medie a Bosisio; il liceo scientifico a Lecco; l’Università a Milano e si è laureata in Scienze Biologiche.
È partita poi come ricercatrice a Cogne per studiare il comportamento degli stambecchi. Ha lavorato con i Professori dell’Università di Aosta e ora con quelli di Sassari, in Sardegna.
Ha scritto diversi testi sulle abitudini degli stambecchi.

CI PRESENTA LO STAMBECCO:

Lo stambecco vive in alta montagna. Assomiglia ad una capra.
Ha corna vuote all’interno che non cadono mai. Le corna del maschio sono più lunghe e più grosse di quelle della femmina. Possono essere lunghe anche più di un metro e ricurve all’indietro.
Lo stambecco è erbivoro: mangia erba fresca in estate. Nelle altre stagioni si ciba di germogli, muschi, rametti …
In estate il suo pelo è ruvido, di colore giallastro. In inverno il pelo è di colore più scuro.

LA SUA RICERCA È PARTITA DA UNA DOMANDA:

Perchè lo stambecco maschio ha le corna così grandi e fa così tanta fatica a portarsele dietro?

Francesca ha iniziato a seguire gli stambecchi nel Parco, in qualsiasi stagione, con qualsiasi tempo: sole, pioggia, vento, neve …
Si alzava presto al mattino, all’alba. Camminava con il cannocchiale e con il binocolo per vedere gli stambecchi.
Scriveva le osservazioni su un quaderno degli appunti, tutte le volte che vedeva gli stambecchi, quando combattevano…
Nel suo studio metteva i numeri del computer.
Studiando con i suoi colleghi ha capito che:

Esiste uno stambecco «dominante»: È lo stambecco più forte; è quello che vince il combattimento; è quello che ha le corna più grosse!

ALTRE DOMANDE POSTE DAI BAMBINI A FRANCESCA:

COSA FA LO STAMBECCO DOMINANTE?

Lo stambecco dominante sceglie il posto più bello per mangiare, per dormire, per accoppiarsi con le femmine.

LO STAMBECCO HA UNA MOGLIE?

Lo stambecco si accoppia con tante femmine perché per l’animale è importante avere tanti cuccioli.
Il maschio vive solo, le femmine vivono con i piccoli.

HANNO NEMICI GLI STAMBECCHI?

I nemici sono l’aquila e il lupo.
Le femmine portano i piccoli in cima alle rocce per proteggerli dal lupo.

COME SI RICONOSCE UNO STAMBECCO DA UN ALTRO?

I guardia-caccia, signori vestiti di verde che lavorano nel Parco, mettono all’orecchio di ogni stambecco delle targhette colorate per poterli riconoscere.

SI LASCIANO ACCAREZZARE DAGLI UOMINI?

Sì, si possono fare le coccole perché loro sono animali protetti, non si possono cacciare. Hanno capito che l’uomo non è più loro nemico perché non spara più con il fucile per cacciarli.

QUANDO SI AMMALANO, LI CURATE?

Lo stambecco è un animale selvatico, deve cavarsela da solo.

COME SONO GLI ESCREMENTI DEGLI STAMBECCHI?

Le feci sono indizi importanti che segnalano la presenza degli stambecchi. Sono a palline, come quelle delle capre. Il maschio le produce più grosse rispetto alla femmina.
Si raccolgono in un sacchetto e poi in laboratorio si analizzano al microscopio per vedere che cosa hanno mangiato.

OLTRE AGLI ESCREMENTI CI SONO ALTRI INDIZI PER CAPIRE SE CI SONO GLI STAMBECCHI?

Le impronte delle zampe fanno capire la loro presenza.

Link vai su

I cookies ci aiutano a migliorare il sito. Questo sito utilizza cookies tecnici ed analitici ed utilizzandolo accetti i cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi