Ultima modifica: 24 ottobre 2017
Home > Dieci paperelle in mare…

Dieci paperelle in mare…

I bambini di classe prima della scuola primaria “G. Segantini” di Cesana Brianza leggono una storia ai compagni della scuola materna.

Alle ore 10.00 di lunedì 05 giugno 2017 presso la Biblioteca comunale gli alunni di prima hanno dimostrato la loro capacità di lettura incuriosendo i più piccoli anche con una breve animazione.
La settimana precedente gli alunni di quarta che hanno dato agli alunni di prima utili suggerimenti sul come procedere nella lettura: pronunciare bene le parole, aprire bene la bocca, alzare la voce, dare espressività alla lettura, contare fino a tre prima di riprendere dopo il punto e… dare un tocco di vocaboli inglesi (visto che le paperelle hanno girovagato in tutto il mondo).

La storia prende spunto da una reale vicenda di cronaca.

Nel 1992 un cargo che trasportava giocattoli di gomma perse, in una tempesta in mezzo al Pacifico, diverse casse contenenti circa 30mila paperelle di gomma (ma anche altri piccoli animaletti). Dopo 15 anni (nel 2007), seguendo le correnti oceaniche, parte dei giocattoli di gomma è stata avvistata sulle coste dell’Inghilterra, mentre altre paperelle si sono spinte, sempre seguendo le correnti, in altre direzioni (Russia e Alaska, Irlanda…)  diventando anche oggetti di culto per chi le trovava in spiaggia.
L’autore Carle inizia la storia raccontando della fabbrica di paperelle, quindi descrive il carico sul molo,  poi  le vicende delle paperelle in mare a causa di una tempesta, ognuna delle quali va a fare amicizia con qualche personaggio incontrato in mare.

È una trama piacevole e lineare, scandita da numeri, che fa sorridere nella sua assurdità.

La storia offre spunti di riflessione sulla vita e sulla realtà quotidiana e, allo stesso tempo, consente di sviluppare contenuti che, a scuola, sono oggetto di insegnamento soprattutto in prima elementare: i numeri, le quantità, il tempo che scorre…

I bambini hanno letto la storia ai compagni della materna chiedendo la loro partecipazione nel tenere il conto delle paperelle.

Tutti si sono divertiti perché hanno animato la storia vocalmente (riproducendo ad esempio il rumore della macchina che sforna le paperelle di gomma, o del vento, della bufera che soffia sul mercantile, o il verso degli animali che incontrano, o la voce del capitano della nave che grida “Paperelle in maaaaareeee!”).

L’animazione è stata anche fisica (con spostamenti, ad esempio, da una parte all’altra come le paperelle), suscitando così l’entusiasmo dei compagni più piccoli.

I bambini erano molto attenti a non sbagliare la sequenza numerica, le paperelle hanno sfilato tutte e dieci -una dopo l’altra- in ordine crescente dalla Paperella numero 1 sino alla numero 10.

Terminata la lettura, gli adulti e i bambini si sono detti  “… anche la matematica può divertire!”. È con tale convinzione che quest’estate le insegnanti prepareranno il percorso di lavoro per la classe seconda.

Link vai su

I cookies ci aiutano a migliorare il sito. Questo sito utilizza cookies tecnici ed analitici ed utilizzandolo accetti i cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi